Sito Ufficiale dell'Associazione "Tegnue di Chioggia" - ONLUS
 
   
 
 
Pagina aperta

 

26-04-06, pag. 14, Pagina Aperta
 
 
 
 

Pagina aperta

 
 
 

Tutelare le Tegn¨e Ŕ doveroso e necessario  Devo assolutamente entrare in campo, perchÚ la mia coscienza (da ex pescatore) mi obbliga a farlo a tutela delle Tegn¨e di Chioggia. Ho letto l'articolo che parla delle dimissioni a fine aprile del signor Piero Mescalchin e della sua associazione. La pregherei vivamente di non mollare, ma di resistere per la giusta causa.  Possibile che nessun esperto in materia con esperienza (e non laureati senza aver mai toccato il mare) non capisca che le Tegn¨e sono al giorno d'oggi, come da sempre, l'ultimo habitat naturale dove prolifera e si riproduce tutta la specie nostrana dell'Adriatico; non possiamo assolutamente perdere quest'ultima barriera ecologica, per la sopravvivenza delle future generazioni di pescatori.  Oggigiorno la specie marina e quotidianamente disturbata dalla pesca meccanica e l'unico posto dove trovano rifugio sono le Tegn¨e, perchÚ lý non possono pescare.  Anzi sarebbe logico aumentare lo spazio delle Tegn¨e.  Come?  Segnalando fino a due miglia dalla riva del mare un'intera sacca con delle boe tutelate dalle autoritÓ di competenza (Capitaneria di porto, Comune, Regione, Provincia ecc.) perchÚ stiamo parlando di un patrimonio nazionale che stiamo perdendo.  Se volete testimonianza riguardante la vita marina prima dell'inquinamento, consiglio il libro źRacconti di un pescatore╗ pubblicato da Filippi editore nel 1993.  Voglio ringraziare tutte le persone che in qualche modo hanno difeso le Tegn¨e, e prego vivamente i politici e l'intera burocrazia di fare qualsiasi intervento per la tutela del nostro territorio marino, cioŔ la risorsa di domani.

Gianfranco Vianello San Pietro in Volta



 
   
 
 
Associazione Tegnue di Chioggia, onlus - Palazzo Morari - 30015 - Chioggia (Ve), Italy